FRASI IDIOMATICHE DEL DIALETTO DI FRESONARA

A

A, a, prima lettera dell'alfabeto. Come preposizione nel dativo (a Berto ), nei complementi di stato e moto a luogo (a Basarus ), di tempo (a trai bóti ) ecc.

Come pronome verbale si premette alla prima persona singolare e alla prima persona plurale (mëi a pärl; noi a parloma )

Così pure in moltissime espressioni idiomatiche e locuzioni avverbiali:

a bagässi rovinato, andato a male, in malora

a bälia a balia

a bäss di sotto, in basso

a bästa abbastanza

a bèi tóchi a pezzi, a brandelli 

a bèi fagóti  a piene mani, a pacchi

a bel brassäi a piene mani

a boca lärga a bocca aperta

a boci fermi a fatto compiuto, a bocce ferme, a gioco fermo

a bon chënt a buon conto

a bon pät economico, a buon mercato, a basso prezzo

a bon pressi a buon mercato

a bòta a cottimo, a forfait, in fretta e furia

a bóta càuda a caldo, a tutta prima

a brancäi a manate

a bräss a braccio, improvvisato

a brässi a forza di braccia

a brässi lärghi a braccia aperte

a brassäi a bracciate, abbondantemente

a calofo gratuitamente

a cäp a capo di linea

a capläi a profusione, in gran quantità

a carassäi a bastonate

a caretäi in abbondanza, a carriolate

a cärti quaranteut alla malora

a cärti scuèrti a carte scoperte, apertamente senza sotterfugi

a cäs a caso, disordinatamente

a cavà a cavallo * Es a cavà = essere riuscito, essere a buon punto

a cavagió a cavalcioni, sulle spalle

a cavalèina a cavallina, a cavalcioni

a cavaleuo (a cavalëi) a spalle, a cavalcioni, alla cavallina

a confront in confronto

a cost a costo

a credit a credito

a crèpa pel a crepa pelle

a crèpa pansa a più non posso

a crëta a credito, senza pagare

a 'd feura di fuori 

 a dì póch a dir poco, almeno

a dispet a dispetto, in barba a

a di tant a dir tanto

a dovai a dovere

a dré,  a dréra dietro

a eugg ad occhio

a eugi saräi ad occhi chiusi, senza pensare

a fassëti a fasci, in abbondanza

a fëti a fette

a fio’ d’èua a fior d’acqua

a fórsa a forza

a forcela a forma biforcuta

a gäla a galla

a gambi alväi a gambe levate

a gambi pl’äria cadere a terra a gambe all’aria

a garai a spicchi

a gatgnao a gattoni, spostarsi carponi come i gatti

a gesti a segni

a giornäi lavorare a giornata, a singoli giorni, non in modo continuativo 

a gratis gratis, gratuitamente

a gropi a nodi

a l’acheur nelle sale da ballo la coppia di ballerini si ritirava nello spazio adibito per attendere il proprio turno per ballare

a l’antica all’antica

a la resta do so al rogo del sole cocente

a la rinfusa alla rinfusa, disordinatamente

a l’avuäcc in agguato, in guardia

a lécc a letto

a l’ improvìsa improvvisamente, all’improvviso

a l’omberta capelli a spazzola

a l’órba = alla cieca, a occhi chiusi, a tentoni al buio

a l’òmbra all’ombra

a l’ordi persona diligente, preparata, capace

a ‘mbreuoa al margine, sul filo, in bilico sull’orlo del precipizio

a mäla pèina appena, a stento, a mala pena

a maravaja a meraviglia

a mëgni pèini a piene mani

a mën a mano

a mën anversa a man rovescia

a mën bässa a man bassa

a meui a mollo, immerso in acqua, in ammollo

a mimória a memoria

a momenti a momenti, fra poco

a mugi a mucchi, in abbondanza

a ofa a ufo, gratuitamente

a pansa bäss bocconi

a pansa tèra di gran carriera, velocemente

a paragheuo in confronto

a paräi a palate

a päri a pari punti, alla pari

a päri fórsa con forze uguali, con mezzi uguali

a pè A PIEDI

a péi zonci a piedi uniti, a piè pari

a piasài a piacere, abbondantemente

a pòncia appuntito, affusolato

a preuv appresso, vicino, di fianco, lungo # sta ‘preuv a mëi = stammi vicino

a prionäi a sassate

a pontëi a puntino, perfettamente

a pósta apposta, intenzionalmente

a quatr’eugi a quattrocchi, di presenza

a rabatogni a rotoloni

a ra bèla méi malamente

a ra bonora! finalmente!

a ra bòuna alla buona, semplicemente

a ra carlòuna alla carlona, senza cura

a ra cavalèina alla cavallina (gioco consistente nel saltare sulla schiena di ragazzi chinati disposti in fila

a ra fëi alla fine

a ra fäi di figni dopo tutto, in fin dei conti

a ra lärga alla larga

a ra lònga alla lunga

a ra mäl paräja alla peggio, nel peggiore dei casi

a ra malapés senza cura

a ra minera nel modo, nella maniera

a randa molto vicino, rasente, accanto

a räpi a grappoli

a ra portäta accessibile, adatto

a ra svelta alla svelta, in fretta, in poco tempo

a ra variassieuo frase usata dal direttore delle danze per mettere all’asta bottiglie di vino, torte, ecc. Il vincitore aveva diritto ad un ballo esclusivo

a rigor dl’anäda nonostante

a sangh frëgg a sangue freddo, con calma

a sautogni a saltelli

a schèina d’äsi a schiena d’asino, a forma di dosso

a sëgni senza parlare, a segni

a sgarabëja cavai alla bell’e meglio, confusamente

a só tèimp a tempo debito, al giusto tempo

a sosta al riparo

a sota sotto, in fondo

a späli sulle spalle, addosso, a cavalcioni  

a sposi a nozze

a sre srën a cielo sereno

a stent a stento, a fatica

a stum ad occhio

a st’ora chëi! a quest’ora! molto tardi, a ora sconveniente

a tacà vicinissimo, accanto

a täca attaccato, di fianco

a tastogni a tastoni, al buio

a tèimp, a só tèimp a tempo, a tempo debito

a tèimp e leugh a tempo e luogo, a tempo debito

a tóchi a pezzi, sfinito, in miseria

a tórt a torto, ingiustamente

a tracóla a tracolla

a tuta fórsa a tutta forza, senza misura

a zeu ferm a bocce ferme, a mente serena

fiocä a balóchi nevicare a grosse falde

mangiä a crèpa pansa mangiare sino a scoppiare

pansa a tèra  a tutta lena