Poesia edita

POESIA EDITA

 

img194

 

 EDIZIONE MARZO 1997

 

Tutti i diritti riservati

 

 

 

EDIZONI JOKER

Via Baiardi 12

15067 NOVI LIGURE (AL)

 

 

Domenico Bisio

 

OMBRI

 

La presente raccolta

ha ricevuto una Segnalazione speciale

tra le partecipanti alla Selezione

per l'AGENDA POETICA 1997

 

 

Joker

 

 

 

 

 

PREFAZIONE

II volume d'esordio di Domenico Bisio, poeta dialettale dalla vena delicata e sincera, è costruito attorno all'intento poematico di ridare voce a una figura paterna garante della continuità della vita e dei suoi valori, oltre il velo della morte e sulle orme della memoria, così che il presente possa costituirsi nel segno della continuità biologica, affettiva e culturale.

Siamo quindi perfettamente all'interno di uno dei grandi nuclei della poesia dialettale; né converrà dilungarsi, ripetendo concetti ormai banali, sulla preziosa e fruttifera inattualità dell'espressione in dialetto e sulle molteplici frizioni che si instaurano ogni volta che un'esperienza viene ricreata poeticamente per mezzo di uno strumento espressivo sempre più marginale ma paradossalmente più tenace e poeticamente vivo; tanto che oggi, per illuminare almeno alcune tracce del nostro presente, può risultare proficuo domandarsi le ragioni profonde degli esiti spesso altissimi di una poesia espressa in lingue "marginali" e per certi versi moriture.

Domenico Bisio scava con sapiente misura nella vena del proprio linguaggio dialettale (come provano certi scarti semantici con la propria traduzione italiana), al fine di rendere palpabile l'atmosfera di una koinè e quindi più apprensibile quella continuità fra passato e presente che è alla base del parlare in dialetto. La parola del padre, quel "c'era una volta" denso di echi pascoliani e carducciani, rimanda da un lato alla dimensione fiabesca della gioventù, ineluttabilmente svanita, e dall'altro a un tempo mitico oltre questa, reale e ancora presente all'immaginazione, in cui le parole fanno perpetuo riparo alla notte (p. 17) e incidono la scorza della vita con segni che il tempo preserva (p. 25): la "favola bella" del passato origina quindi e legittima la "favola della vita".

"Il ladro di versi", per citare l'ultimo titolo della raccolta, è insomma colui che preserva e dona la fiamma, consapevole di donare così tempo agli uomini del tempo.

Mauro Ferrari

 OMBRI

 

NINNA NANNA

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

in cavà e na trabichera.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè 'r cavà, nè ra trabichera

e manca ra vóta ch'a gh'era.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

ina vègia e in avgéi

satäi an sin scaréi.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè ra vègia, nè l'avgéi, nè o scaréi.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

ina ca 'd mogni e 'd priogni.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè mogni, nè priogni

e manca doi socrogni.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

l'Orba da pscä

e ir Biä da lavä.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè l'Orba, nè 'r Biä

nè o scägn da lavä.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

ina stäla e in aliäm.

Se ‘t drómi nèinta, on gh'era

nè ra stäla nè l'aliäm

nè ‘r firmägg nè o saläm.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

ir galèini an sa strä.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè 'r galèini, nè 'r polä

e manch in fer da siä.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

ra cort dir prev e Moncravà.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè ‘r prev, nè Moncravà

e manch ir baleuo sciopà.

O gh'era ina vóta...

Ina vóta o gh'era

quël che adess on gh'è pu.

Girti pura e vótti andrera

uärda a l'àut e sbenti zu.

Se 't drómi nèinta, on gh'era

nè l'erba ambrusca, nè o "diäuvassù".

O gh'era ina vóta...

Ina vóta ch'a gh'era mëj assëi.

Me päri, me märi e na masnä ch'a j era mëj.

M'a j era cit e am seuo dromì

e quandi ch'am seuo svigià

quël che da vegh o gh'era,

l'era za passà...

NINNA NANNA

C'era una volta...

Una volta c'erano

un cavallo e un carretto.

Se non dormi, non c'erano

né il cavallo, né il carretto

e nemmeno la volta che c'era.

 

C'era una volta...

Una volta c'erano

una vecchia e un vecchietto

seduti su uno scalino.

Se non dormi, non c'erano

né la vecchia, né il vecchietto, né lo scalino.

 

C'era una volta...

Una volta c'era

una casa di mattoni e pietroni.

Se non dormi, non c'erano

né i mattoni, né i pietroni e nemmeno due zoccoloni.

 

C'era una volta...

Una volta c'erano

l'Orba per pescare

e il Bedale per lavare.

Se non dormi, non c'erano

né l'Orba, né il Bedale

né l'asse per lavare.

 

C'era una volta...

Una volta c'era

una stalla e una letamaia.

Se non dormi non c'era

né la stalla, né il letame

né il formaggio, né il salame. 

 

C'era una volta...

Una volta c'erano

le galline sulla strada.

Se non dormi non c'erano

né le galline, né il pollaio

e nemmeno la falce per la biada.

 

C'era una volta...

Una volta c'erano

il cortile del prete e Montecaprato.

Se non dormi non c'erano

né il prete, né Montecaprato

e nemmeno un pallone bucato.

 

C'era una volta...

Una volta c'era

ciò che adesso non c'è più.

Girati pure e voltati indietro,

guarda in alto e guarda in giù.

Se non dormi, non c'erano

né l'erba amara, né il "diavolo va su".

 

C'era una volta...

una volta che c'ero anch'io.

Mio padre, mia madre e un bambino che ero io.

Ma ero piccolo e mi sono addormentato

e quando mi sono svegliato,

ciò che da vedere c'era,

era già passato.

 

ANCO' NA VÓTA

 An drómti nèint, papà,

an drómti nèint.

Quentmi anco' na vóta

ra fróla dra Bèla

dai cavaj rossi

che ant o nóstri boschët

l'argojava fio'

pir ir fanciotëi

ch' l'era ant o tó cheu.

Adess che quel  fanciót

l'è agnì grand

e ar só mègni i acaresso

i rissi di só cavaj,

tëj ‘t veuj dromiti.

An drómti nèint, papà,     

an drómti nèint.

Sèinsa ir me vegg

ina fróla

l'è nèint poisëja.

                                                                   

 ANCORA UNA VOLTA 

Non addormentarti, papà,

non addormentarti.

 

Raccontami ancora una volta

la fiaba della Principessa

dai rossi capelli

che nel nostro boschetto

raccoglieva fiori

per il bambino

che era nel tuo cuore.

 

Adesso che quel bambino

è venuto grande

e le sue mani accarezzano

i riccioli di quei capelli,

tu vuoi addormentarti.

 

Non addormentarti, papà,

non addormentarti.

 

Senza il vecchio saggio

una fiaba

non è poesia.

 

 

 

RA TO VOS

Cmè da fanciotei,

fäcc su ant ra mantlèina

o dì dra fera,

pèi ‘d frègg a sircava

arducia ant ir to mègni grandi,

acsèi an quèla triste neucc

a i heu sircà

ir to paróli, papà,

ma ra to vos

a quintava za

fróli an Paradis.

                                                                  

 LA TUA VOCE

Come da bambino,

avvolto nella mantellina

il giorno della fiera,

infreddolito cercavo

riparo nelle tue grandi mani,

così nella triste notte

ho cercato riparo

nelle tue parole, papà,

ma la tua voce

raccontava già

fiabe in Paradiso.

 

ÒMBRI

 L'è mòrt,

e ra vos a cora

da cassèina an cassèina.

Ra vègia, piegäia

an so scagnèt,

uardanda  ir veui do só avnì

a ricórda ra stageuo do so

e dir dansi ar ventri

ch'i favo annamurä

ir viandant marissios.

Adèss quel dansi, quèj sguärdi

i n'anfiämo  pu

ra sèca, raida sò forma.

Inerte a specia ra saira.

Ma l'ultima feuja

dir morieuo mórt,

nair eugg ao

so ross dir tramònt,

brassäja a ra räma  pì àuta,

sèca, piegäja ‘me ra vègia

an so scagnèt ràida,

ancora a dansa ar ventri

a spicianda ‘r viandant

antant che ra me òmbra a sparissa.

OMBRE

È morto,

e la voce corre

di cascina in cascina.

La vecchia, piegata

sullo sgabello,

guardando il vuoto del suo avvenire,

ricorda la stagione del sole

e delle danze al vento

che facevano innamorare

il malizioso viandante.

Adesso, quelle danze, quegli sguardi

non infiammano più

la secca, rigida forma.

Inerte aspetta la sera.

Ma l'ultima foglia

del morto gelso,

nero occhio al

rosso disco del tramonto,

abbracciata al ramo più alto,

secca, piegata come la vecchia

sullo sgabello rigida,

ancora danza al vento

aspettando il viandante

mentre la mia ombra si allontana.

 

 

O SËGN DO TEMP

Staneucc l'ha nèinta fäcc frëgg

e an sla speuja gasëja ra rosä

l'anòncia ina bèla giornä.

A stava uardanda ch'o sta baj parëgg,

quandi che da ra gesia o sëgn

o bäta o temp ‘d sarä o lëgn.

On gh'ha pu d'eugi ir mor 'd me märi.

Tra póch  ir prev  o gnirrà a portä su me päri.

 IL SEGNO DEL TEMPO

Stanotte non ha fatto freddo

e sulla spoglia robinia la rugiada

annuncia una bella giornata.

 

Stavo guardando che sta bene così,

quando dalla chiesa il segno

batte il tempo di chiudere il legno.

 

Non ha più occhi il viso di mia madre.

Tra poco il prete verrà a prendere mio padre.

 

L'ULTIMA PREJA 

... Peuj

l'ultima preja

l'ha sarà o tó sguärd

pirchè ra me vita

l'augàissa i só eugi.

  

L'ULTIMA PIETRA

...Poi

l'ultima pietra

chiuse il tuo sguardo

affinché la mia vita

incontrasse i suoi occhi.

 

RA FROLA DRA ME VITA

Quandi,

satà ar pëi

pi cit che mëi

che za a j'era cit,

t'im quintavi, papà,

dra Bela dir bosch,

a j'heu marcà o sëgn

an so tënri lëgn

e ancon ra mën sfioranda

ancantà a la sognava.

Adess

che ij cavai rossi

 i s'antrësso ai vérdi avogi,

ar só deji i acaresso,

an sra sgórbia dir grand pëi,

ij bórdi dir me cheu

ancon ar nóstri inissiäli.

 LA FAVOLA DELLA MIA VITA

Quando,

seduto al pino

più piccolo di me

che già ero piccolo,

mi raccontavi, papa,

la favola della Principessa,

incisi il segno

sul tenero legno

sfiorando il quale

fantasticando la sognavo.

 

Ora

che i suoi folti capelli

si scompigliano ai verdi aghi,

le sue dita accarezzano,

sulla dura corteccia

del grande pino,

i contorni del cuore

con le nostre iniziali.

 

 

AMADRIADE

Quandi ir me feuj

i acarësso i tó cavai,

quandi ra me fio'

a senta ra tó vos,

quandi ir me bieuo

o sfiora ar tó lävri,

anlora 'r Bósch

o prufuma 'd musica

e parpaj delicäi

i s'onisso ar cant.

 

 AMADRIADE

 Quando le mie foglie

accarezzano i tuoi capelli,

quando i miei fiori

ascoltano la tua voce,

quando il mio tronco

sfiora le tue labbra,

allora il Bosco

profuma di suoni

e morbide ciglia

si uniscono al canto.

 

 

 

RA FNÈSTRA

 Ra fnèstra

che a ra väl

dir tramònt

a dà quël ch'o rèsta

dra lus dra me vita,

a gira an sij póri

dra tó presènsa

e an sij vedri a riflèta

ra figura ‘d chi,

quëla fnèstra,

l'ultim di l'ha prumuss

ch' l'avàissa logà,

ant ij tó eugi,

ra piega do só soris.

 LA FINESTRA

 La finestra che alla valle

dell'infinito tramonto

consegna la restante luce

della mia vita,

ruota sui cardini

della tua presenza

e sui vetri riflette

lo sguardo di chi,

quella finestra,

l'ultimo giorno promise

avrebbe custodito,

dentro i tuoi occhi,

la piega del suo sorriso.

 

 

SÈINA

Da ra fnèstra

ch'a dà anvèra a l'Orba

ir prufum do tiglio

o colora ra nóstra sèina.

L'ultima läma do so

a trapässa, ant ij biceri aussäi,

o ross dir meuo

do Dossët mandorlà,

quandi ra tó men marissiosa

a s'antrëssa ant ir me dëji.

Ir marëi o bofa

an so nàir candeläbri

e o nóstri brindisi o finissa

an sra cómplice letómana.

 

 

CENA

Dalla finestra

alla valle del fiume aperta

il profumo del tiglio

colora l'intima cena.

 

La lama del tramonto

trafigge, nei cristalli alzati,

il rosso rubino

del mandorlato Dolcetto,

quando la tua maliziosa mano

intreccia le mie accoglienti dita.

 

Un alito soffia

sul fumoso doppiere

e il nostro brindisi scivola

sul complice divano.

 

  

LÄDRI ‘D VERSI

O lubri

dir poiseji

che in ventri cativ

o t'ha portà vëja

dar mëgni

antant che t'arposavi

quël dëji vióla

ch'in savo pù ten

o sëgn

dra riga dóp,

o gh'ha stampà 'r paróli

che Erato

l'ha scricc par tëi,

e an fònd o nóm

‘d quël lädri d'in óm

che da scondeuo

l'ha rubà meravigliosi

quëj versi

dau lecc dra tó mórt.

  

LADRO DI VERSI

II libro

di poesia

che il cattivo vento

ti strappò

dalle mani

mentre riposavi

le violacee dita

che più non sapevano

tenere il segno

della successiva riga,

ha incise, superbe, le parole

che Erato

scrisse per te,

e in calce la firma

dell'autore ladro

che di nascosto

ha rubato

gl'immortali versi

sul letto della tua morte.

 

Finito di stampare
nel marzo 1997
presso la Tipografia ERREDI
di Gavi Ligure (AL)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 DomenicoBisio

Collana Le schegge d'oro (i libri dei premi)

 

Riconosco il Tempo

di Domenico Bisio

In copertina elaborazione grafica di Domenico Bisio

Pubblicazione realizzata con il contributo de

IL CLUB degli autori in quanto l'autore è

1° classificato nel concorso letterario

«F. Moro- Sartirana Lomellina» 2001

I edizione © Copyright 2003, Domenico Bisio

© Copyright 2003, Montedit

piazza Codeleoncini, 12 - Cas. Post. 61 - 20077 Melegnano (Mi)

Tel. 02.98.23.31.00 - 02.98.23.31.05

Fax 02.98.35.214 (autom. 24 ore)

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

http://www.montedit.it

 

 

PREFAZIONE

Nessuno veramente sa cosa sia, intero, un poeta. Un grande sapiente o veggente o soltanto un ladro di lumi, di vite clandestine vissute nel silenzio dei giorni tutti ugua­li". Penetrante questo passo di Dario Bellezza, un poeta ro­mano che se n'è andato troppo presto, a 52 anni. E questo ci è accaduto di pensare leggendo Domenico Bisio ed esa­minando, per quanto possibile, la sua attività poliedrica, quella trascorsa e la presente.

Autore di molti testi teatrali in dialetto piemontese ed in lingua di indubbio successo, se consideriamo il numero del­le rappresentazioni (246) fin dall'esordio del 1975, Domenico sembra oscillare spiritualmente fra Teatro e Poesia. In questa lo vediamo mietere successi con premi e concorsi che si rincorrono dal 1991 al 2002. Né si può igno­rare che, nel 1997, consegue riconoscimenti particolarmen­te ambiti con la pubblicazione di Ombri, una raccolta di poesie dialettali che recano la probante prefazione di Mauro Ferrari, un critico giovane che sa quel che dice.

Abbiamo sotto gli occhi un fresco florilegio di liriche uni­te insieme da un titolo espressivo: Riconosco il Tempo. Le abbiamo lette frettolosamente una prima volta; adesso cer­chiamo di riviverle dentro di noi. E di comprenderle insie­me al loro autore. Ma si può comprendere interamente un poeta? Spesso l'unica via per evadere da questo mondo di "follia" è proprio la parola scritta. Con la magia del lin­guaggio può accadere che essa divenga codice insuperabile di trasmissione delle nostre emozioni.

Nella raccolta, bella e toccante la prima lirica Ancora una volta, in cui ritorna il tema del padre, in una commo­zione contenuta. Amara, nella sua aderenza alla realtà di ogni tempo, Carne in scatola, che i giovani, tutti, dovrebbe­ro leggere e, possibilmente, meditare. Sintesi fugace e pe­netrante Orba 1993, dove la brevità del testo (sette righe) traduce con dolce efficacia il primo incontro d'amore.

Struggenti richiami saffici suggerisce Come un fiore tu, senza che, peraltro, l'autore si lasci prendere dal tema al­lettante dai mille sottintesi. Di non facile comprensione si manifesta, invece, Alchimia, una lirica certo gradita a nuo­ve forme ermetiche. Mentre un'eco legata ad Umberto Saba ci par di avvertire nei versi È una linea bianca, dai contorni realistici appena sfumati.

Ed ancora a Saffo di Mitilene vien fatto di pensare leg­gendo In punta di piedi, dal linguaggio etereo che le si ad­dice. Con l'ultima lirica Non ancora è l'ombra, in cui si ri­vede il tema portante del titolo, ci troviamo come di fronte ad un testamento spirituale ricco di silenziose promesse.

La fluidità e la sicurezza sono le conquiste di un Domenico Bisio maturato soprattutto nella forma; l'ispira­zione ci sembra non essere mai venuta meno. Domenico sa cosa scrive e perché scrive, mentre arricchisce la propria sensibilità, facendo cauto tesoro anche delle esperienze degli altri.

E se non verrà troppo distratto dalla miriade di impegni, non dubitiamo che farà parlare ancora molto di sé.

 

Enrico Mazzoni

Presidente Centro Studi in Novitate - Novi Ligure

 

 

DOMENICO BISIO

DOMENICO BISIO 

RICONOSCO IL TEMPO

 

 

ANCORA UNA VOLTA

Non addormentarti, papà,

non addormentarti.

Raccontami ancora una volta

la fiaba della Principessa

dai rossi capelli

che nel nostro boschetto

raccoglieva fiori

per il bambino

che era nel tuo cuore.

Adesso che quel bambino

è venuto grande

e le sue mani accarezzano

i riccioli di quei capelli,

tu vuoi addormentarti.

Non addormentarti, papà,

non addormentarti.

Senza il vecchio saggio

una fiaba

non è poesia.

 

 

 

LASCIO AL VATE

No. Non è un occaso pieno di voli.

Il disco rosso è quello di ieri

e quel gabbiano a filo d'acqua

che altro dire se non solitario.

Il mare è blu. Come quello sul calendario

impiccato al muro degli uffici.

Non ho in mente filosofici pensieri,

tanto meno rimembranze di uomini soli.

Non è un occaso pieno di voli.

E' un tramonto. Come quello di domani.

Alla natura non ho pagato supplementi

per godere di spettacoli particolari.

L'erba è verde. Al pari

di quella del mio podere.

Lascio al vate gli assoluti vani,

le sue piaghe, i suoi dolori.

Non è un occaso pieno di voli.

E' un tramonto agli altri uguale.

Meno male. Così non v'è intorno poeta

a menar canto di melanconia,

di tristezza, di gioventù che fugge via.

Oggi non c'è poesia.

Finalmente un tramonto normale.

Un tramonto in cui

non c'è niente da vedere.

Non c'è niente a cui pensare.

Chiudo gli occhi.

Non ci sono rime da baciare,

ma le labbra di chi

ha già socchiuso i suoi.

In questo occaso voleremo noi.

 

 

 RICORDO

 Ricordo la prima volta

in cui i miei occhi

trovarono sulla soglia il tuo sguardo.

Adesso perché chiudi la porta?

 

 

 

 COME PETTINE DISMESSO

Come i radi denti

del pettine dismesso

ogni giorno lascio

sempre più spazi

alle pieghe delle tue malinconie

e nodi d'amore

non so più allentare

all'energico ripassare degli anni.

È giunto il tempo

di togliermi parrucche

che ricoprono sparuti giochi

di doppie punte

e a capo scoperto

riconoscermi nella debole peluria.

Non ti sia così grave

allontanare la schiavitù

di costringermi a subire

una perfezione

che non è più mia.

 

 

 

AUREOLA D'ACCIAIO

 (Canzone di un condannato a morte)

Sulla sedia per arrivare

a toccare il cielo fino a Dio,

come a un bimbo hai preparato

la mia strada del futuro.

Da domani ti vedrò

come fossi mio fratello,

da domani tu sarai

veramente mio fratello.

Tu che hai collegato il filo

della corda fino al cielo,

tu che sul capo mio hai posto

la mia aureola d'acciaio,

che ai polsi hai legato

le mie stigmate di Dio,

da domani tu sarai

veramente mio fratello.

Tu che giudichi il mio corpo

tu non mi fai paura,

hai ragione, la mia mano

sa di polvere da sparo,

ma chi giudica il mio cuore

sente il profumo della rosa.

Domani il cordone

ombelicale della vita

taglierai con le tue dita

per togliermi il fastidio

di questo numero sul petto.

Ti ringrazio, maledetto,

ti perdono, boia mio,

io ti aspetto, fratello mio.

 

 

 

UOMO 

Hai voluto

che incidessi tabelline

nella mia mente.

Ma non mi

avevi parlato

di numeri

incisi

su polsi

di altri uomini...

 

 

 

CARNE IN SCATOLA

 Granate saturano

atomi vacui

di schegge sanguinanti.

Lapilli d'acciaio

stracciano lacerti

ad abbrutite larve.

Colpi alla nuca

ramazzano casolari

per pulizie etniche.

Dietro scudi umani

si riparano corpi

di delirante fanatismo.

Tra poco

motoscafi porteranno

scheletri di carne

che non valgono

la putrida carcassa

del manzo divorato

dai neri uccelli.

.........

Dalla finestra

la gazza

ruba al bosco

rametti d'acacia.

Tra poco

nel complice nido

la specie esaudirà

istinti primordiali.

.........

Nel campo di battaglia

i fucili sono

sciarpe al vento.

Inni al cielo

gridano pretese

di vittoria.

Tra poco

guerrieri in mutante

ecciteranno (o demoliranno)

il mio tessuto muscolare.

Intanto

un preciso colpo di mano

mette fine

al fastidioso ronzio.

Anche la mia pace

vuole le sue vittime.

.........

Tra poco

soddisferò con lei

il nostro intimo

desiderio di carne.

Dopo la pubblicità.

P.S. Domani sarà     

la stessa noiosa

stupida guerra.

Alla stessa identica

ora della finale.

 

 

IL VIANDANTE SPERDUTO

Il viandante sperduto

che chiede il passo del suo cercare

non s'accorge

che il mio saluto

non è rivolto al suo avvenire,

ma all'arenile,

dove il sole scalda

due occhi di mare

e il vento intreccia

rossi coralli su seni audaci.

Così, mentre lui sale

il ripido monte,

io scendo a cercare

delicati ricordi.

Fra poco lo scoglio

sarà ricco di baci.

 

 

 

DOPO 

Grazie

per esserti rifatta

il trucco

davanti a me.

 

 

 

LE MISURE DEI GRANDI

 Liberamente, ad un cenno,

potrai sorridere (o piangere un po')

e liberamente con sicuro senno

sceglieranno i tuoi sì e i loro no.

Così, nell'ora d'aria

saranno catene i soliti ponti

e futili re di paglia

si presenteranno in incontri

per pareggiare piatti,

dove il pesato,

a conti fatti,

pende sempre dall'ago truccato.

Liberamente passeranno le stagioni

senza, naturalmente,

gettare alcun oggetto dal finestrino

e liberamente il destino

avrà scelto di non fare

nemmeno una corsa sul prato,

di sporcare il vestitino, di gettare

le scarpe nel fossato.

Perché un bambino

è meglio di un nano,

ma deve rispettare, com'è strano,

le misure dei grandi,

che essendo più alti e più santi,

son certo più vicini all'Assoluto.

Ma arriva il tempo di rendere l'avuto

e rileggendo i verbali della vita

non vi sarà riportato

nemmeno il piacere frustrato

di una pallina di mollica,

modellata con due dita

e lanciata nell'occhio

del solito imbonitore.

Così, mentre il cuore

cerca libertà in spazi obbligati,

la vita inutilmente aspetta

che si modelli la fetta

di quel tozzo di pane

e si liberi con due dita

l'anima candida

di una pallina di mollica.

 

 

 

ORBA 1993 

Sugli infuocati sassi

è scolpita l'orma

della tua prima rincorsa

per raggiungere l'amore

che aspettava il tuo

e trasformare le chete acque

in un fiume di desiderio.

 

 

MUOVEVO TREBBIE

 Oziavano su rive assolate

o pedalavano su auto lucenti

mentre io spingevo Magi

a risalire nel sogno torrenti.

Poi muovevo tutta l'estate

trebbie in scatole da scarpe

e rivolgevo parole ardenti

all'albero che zitto

cicatrizzava il mio cuore trafitto.

Divoravano filtri d'alchimie

mentre io rigettavo versi

ed erano già sazi d'amare

prima del mio desinare.

In discoteche branchi s'illudevano

di uomini persi

mentre io pestavo solitarie praterie

per raggiungere cieli

che solo occhi sinceri

potevano darmi.

E al desiderio di materia

nella mia maceria cercavo ombre da accarezzare.

Ora atterrate colonne

sognano donne 

che non hanno saputo conquistare

mentre io solo

stasera volo

negli occhi della mia principessa

che l'albero nel cuore inciso mi fece promessa.

 

 

 

VORREI REGALARTI 

Vorrei regalarti un grande cuore

se già tu non abitassi il mio.

Vorrei regalarti un grande pensiero

se già tu non occupassi i miei.

Vorrei regalarti una grande fantasia

se già tu non fossi fantastica realtà.

Non mi rimane che un piccolo dito

da regalarti perché tu

mi faccia toccare il tuo cielo.

 

 

 

LA MIA SCATOLETTA

Oggi ti ho spezzettata

triturata

sbriciolata

sminuzzata

fino a ridurti

a polvere finissima.

Poi

delicatamente

con la mano larga

senza perdere un solo granellino

ti ho deposta

nella mia scatoletta.

Lì ti terrò

fino a domani

quando, pazientemente,

ti rimetterò insieme

atomo per atomo

briciola per briciola.

Ti accarezzerò il viso

ti bacerò le mani

e poi ritornerò

a sbriciolarti

sminuzzarti...

 

 

COME UN FIORE TU

Ti raccoglierò delicatamente

nella rugiada

del primo mattino

e ti metterò nel mazzolino

degli altri fiori.

La sera

mentre tutti chiuderanno

la loro corolla

tu aprirai le tue braccia

ed io

stringendoti a me

ti porterò nel bosco

della mia fantasia.

Accarezzerò

ad uno ad uno

i tuoi petali

intreccerò le mie mani

alle tue foglioline

e come l'ape

ruberò il nettare

della tua felicità.

Ti porterò poi indietro

e mentre gli altri fiori

apriranno i loro occhi

 io osserverò te

che dolcemente addormentata

sognerai

di essere stata

nel mio bosco incantato.

 

 

ALCHIMIA

(AMORE PRINCIPIO D'AMORE)

Per le tue mani

che trasformano in Oro

l'ermetiche Parole

si fonde l'essenza di un cuore

nell'essenza dell'altro.

E così

come il Fuoco

il Fuoco estrae

racchiuso nel legno

la tua natura

per similitudine

la mia riproduce.

 

 

 

È UNA LINEA BIANCA 

È una linea bianca

il confine tra la gloria

e l'impietrito sguardo.

L'universo di un calciatore

ha misure rettangolari

e incroci di ferro:

in quegli spazi Vittoria

consuma il suo rito.

Ma quale dio

può modificare                                                           

l'irreversibile traiettoria

principio dell'inno di lode

o dell'empia bestemmia?

Un'intera vita

ha solo 90 istanti

per innalzare al cielo

l'umana piramide

e lo schiavo erigere

la babelica torre.

Dopodomani l'immortalità

sarà carta da pacchi al mercatino dell'usato.

Ma nel cuore il grido  

del fraterno grappolo. 

 

 

POI... MUORE PRIMAVERA

Non il nome, Principessa, svelasti,

e per pudore dei candidi sogni,

cinquanta passi dall'uscio lasciasti

quel che mai sapesse, e lui men d'ogni,

qual triste loco ti fosse dimora.

Paolo ad Euterpe i suoi bisogni

d'amor in Milano confida, nell'ora

che il visetto tuo gentil, la sera,

l'aria superbiosetta ti colora

in Galleria, e la sciarpetta fiera

nei tenui sogni suoi di gloria fece

capolino, soave ricchezza vera

di chi del soldo non avea specie.

Gli piacque di seguir larve gioconde

quando, nel tirar in lungo, invece,

tu ridevi alle parol sue ponde;

finché pioggia ti fece riparare

sotto l'ombrello, largo come fronde.

Arrossisti l'anello a negare

allo smanioso dito, ma sognavi

per lui, che non sapea velare

della gloria promessasi le chiavi,

le mani, le sue, stringendo forte forte.

Così, simili a nastri biavi,

giocaste col vento; tu fior che corte,

dall'ape antica tradito, a stame

rifiuti la nuova prova in sorte.

Giovinezza in festa, il gravame

del triste ultimo saluto tende

a più tardi rimandare... Ma or di trame

fatal, travagliata l'alma si rende.

La valigia, lì, sotto i ginocchi

i vostri ricordi a sé pretende,

e porta via gli scarabocchi sciocchi

che avevate tracciato, invano

memorie ancor de' vostri occhi.

L'ombrellino accompagna la mano

della bianca ombra alla stazione

che non sa staccar dal grave umano

ciò che ormai è sublimazione.

La campanella suona e al fischio

muore quell'agonia. Dalla Gorgòne

ti regge l'ombrellino al rischio 

di morire come pietra morena,

pari ad apuano marmo di mischio.

Va, l'artista, a strascinar catena

dove il soldo gli farà scordare

quel triste saluto. Poi, appena

tornerà, ti verrà a cercare

e commetterà grave l'errore

di volerti le risa ricordare

e le lacrime di vissute ore.

Ma ‘l fianco tuo sarà ingrossato

e non vestirai più dal gran sartore.

Di te ormai non sarà ‘l passato,

e peggio ancor non saprai più capire

il suo spirto, il suo afflato.

E questo, di tristezza, sarà morire.

 

 

IN PUNTA DI PIEDI 

Camminerò

in punta di piedi

per non svegliarti.

Entrerò nel tuo cuore

e mi costruirò

piano piano

una capanna

con i leggeri tronchi

del tuo respiro.

L'arrederò

con i segreti

della tua mente

e la chiuderò

con la chiave del Paradiso.

Ogni giorno verrò

in punta di piedi

per non svegliarti

e mi cullerò

sull'àmaca dei tuoi sogni.

Piano piano

dolcemente

per non svegliarti.

Per non svegliarmi.

 

 

 

IMPETUOSI RITMI

Mani stringono

sussulti d'amore

al ritmo di

impetuosi respiri,

mentre

altre mani scivolano

su sentieri percorsi

da ardenti desideri.

Fra poco

sorrideremo insieme.

 

 

 

ACROSTICO

 Battito di ciglia.

Esploro il

Tuo volto. E

Tu già sei

Il mio pensiero.

 

 

NON ANCORA È L'OMBRA

Riposa al gelso

l'antica fatica

e con flebile voce

ricorda la Storia

del passato costume

mente il piccolo ciclista

zigzaga tra dialetti

che non saranno più suoi.

Io passo e capisco

riconosco il Tempo

e ne rivedo i momenti.

Ma la mia storia

non ancora ama l'ombra

e continuo la strada

che mi porta da chi

il presente mio futuro

all'eterno unisce

con la spilla

di sicurezza

del suo tenero abbraccio.

diogene