POESIA VINCITRICE DEL CONCORSO MARIO MERLO 2020

POESIA VINCITRICE DEL CONCORSO MARIO MERLO 2020 ACQUI TERME

Motivazione della Giuria

Delicata e struggente nelle sue quartine regolarmente rimate nelle sedi pari, la lirica nasce da un’amorosa e colloquiale comtemplazione della fotografia materna apposta nella cappelletta di famiglia, al camposanto.

RA FOTOGRAFËJA

Ra fotografëja l’è própi bèla

tuta pcinäja ‘ma ch’ot piäsa a tëi

j’orcigni bleu i seuo na fantasëja

e ra majëta giàuna o so dir matëi.

 

E peui ra colan-na d’ina mäta d’ancheui

che tëi par tradissieuo

t’it mëti quandi che ra campan-na

a sòuna baudëta  a ra pursissieuo.

 

Ma quël ch’o fa pì bèl ancora

l’è o soris ch’ot sórta dar cheu

dla tó anma o tó giojèl

ch’om scàuda j’óssi ‘mè ‘r feu.

 

Bai… adèss mèma a vägh

l’èua a l’heu mussa a ra fiorëta

e admën a stoma torna ansèma.

At läss duèrt l’uss ‘d ra caplëta.

 

TRADUZIONE

 

LA FOTOGRAFIA

La fotografia è proprio bella

tutta pettinata come piace a te

gli orecchini blu sono una fantasia

e la maglietta gialla il sole del mattino.

 

E poi la collana che ti ringiovanisce

che tu per tradizione

ti metti quando la campana

suona a festa per la processione.

 

Ma quel che è più bello ancora

è il sorriso che ti nasce dal cuore

della tua anima il tuo gioiello

che mi scalda le ossa come un fuoco.

 

Bene… adesso mamma vado

ho messo l’acqua ai fiorellini

e domani staremo di nuovo insieme.

Ti lascio aperta la porta della cappelletta.

Domenico Bisio